banner
HOME RECENSIONE NOVECENTO JAZZ STATI UNITI PALLACANESTRO UNITED STATES POP ART GUERRA FREDDA RADIOATTIVITA'
IRENE CURIE ENERGIA NUCLEARE

  1. UNITA’ DI MISURA DELLA RADIOATTIVITA’  

L'unità di misura della radioattività è il becquerel (Bq). 1 Bq corrisponde a 1 disintegrazione al secondo. Poiché questa unità di misura è assai piccola, la radioattività si esprime molto spesso in multipli di Bq: il kilo-becquerel (kBq) = 103 Bq, il Mega-becquerel (MBq) = 106 Bq e il Gigabecquerel (GBq) = 109 Bq.  
L'unità di misura usata in precedenza era il Curie (Ci) definita come la quantità di radioattività presente in un grammo di radio. Questa unità è immensamente più  grande del Bq, perché in un grammo di radio avvengono 37 miliardi di disintegrazioni al secondo. Perciò:1 Ci = 37 GBq = 37 miliardi di Bq. 

  1.  LA RADIOATTIVITA’ ARTIFICIALE

 Gli isotopi radioattivi possono avere origine naturale o artificiale. Tuttavia non bisogna pensare che la radioattività naturale e quella artificiale siano fenomeni diversi, in quanto il processo fisico alla base è lo stesso per entrambe. 
Nel 1934 i coniugi Irène (1897-1956) e Frédéric Joliot-Curie (1900-1958) producono, per la prima volta, la radioattività artificiale. Scoprono che l'alluminio colpito con particelle alfa emette radiazioni anche dopo che è cessato l'irraggiamento. Le emissioni radioattive decadono poi come in una sostanza radioattiva naturale. Successivamente a questa scoperta per accelerare le particelle, utilizzate come proiettili, sono stati costruiti vari macchinari, tra cui gli acceleratori, come il sin  crotrone.
SINCROTONE

 

Questo acceleratore è un sincrotrone,  molto utile per individuare e studiare le particelle atomiche. 
I protoni che escono dalla sorgente vengono mantenuti, grazie a un campo magnetico, su una traiettoria circolare, accelerati progressivamente e portati a colpire un bersaglio. L’urto produce la disintegrazione dei nuclei e la liberazione delle cellule nucleari. Le traiettorie di tali particelle vengono messe in evidenza da una particolare apparecchiatura detta camera a bolle.

Webmaster: ELENA TAGLIAFERRI   Classe IIIB     Scuola Media A.Stoppani