banner
HOME RECENSIONE NOVECENTO JAZZ STATI UNITI PALLACANESTRO UNITED STATES POP ART GUERRA FREDDA RADIOATTIVITA'
IRENE CURIE ENERGIA NUCLEARE


GLI STATI UNITI D'AMERICA

Gli Stati Uniti d'America, anche conosciuti come USA o States (rispettivamente acronimo e abbreviazione dell'originale nome inglese United States of America), sono una repubblica federale e presidenziale democratica dell'America settentrionale. Confinano a nord con il Canada e a sud con il Messico, mentre ad est e ad ovest sono bagnati rispettivamente dall'oceano Atlantico e dall'oceano Pacifico. Le acque territoriali dell'Alaska confinano con la Russia (Stretto di Bering). L'unione è formata da 50 stati di cui 49 continentali e 1 insulare, l'arcipelago delle Hawaii. Altri territori legati agli USA con status particolari sono: Portorico, le isole Vergini statunitensi, Guam, le Samoa Statunitensi od Orientali, le Marianne Settentrionali, le Caroline Orientali e altre isole del Pacifico. Gli Stati Uniti comprendono, oltre ai 48 stati confinanti, l'Alaska (il più grande degli stati), le Hawaii e vari territori nell'Oceano Pacifico e nei Caraibi, compreso Porto Rico, che è legato agli Stati Uniti in un'associazione chiamata Commonwealth. Il distretto di Columbia contiene la capitale Washington; le città maggiori sono New York, Los Angeles, Chicago, Houston, Phoenix, Filadelfia, San Francisco, San Diego, Dallas, Atlanta.

              CARTINA

  1. GEOGRAFIA

E’ possibile suddividere lo stato in quattro zone: l’est (eastern), le grandi pianure (central),il sud e l’ovest (western).

  • L’est è la zona più popolata e industrializzata della nazione; è ricca di miniere di carbone e di ferro e di industrie meccaniche e siderurgiche. Comprende le pianure della costa orientale, i monti Appalachi e la zona dei Grandi Laghi. Questi ultimi sono cinque laghi navigabili collegati tra loro da canali; sono da ovest a est: Superiore, Michigan, Huron, Erie e Ontario. Tra l’Erie e l’Ontario scorre il fiume Niagara che forma le famose cascate.
  • Nella zona centrale sono presenti le Grandi Pianure: la maggior area agricola del Paese. Proprio in questa zona scorre il fiume più lungo degli Stati Uniti: il Mississippi.
  • Il sud è la zona che comprende la parte meridionale (e le cime più elevate) degli Appalachi, e più a ovest le montagne Ozark. Sono presenti le foci del Mississippi e del Río Grande. La più grande influenza climatica proviene dal Golfo del Messico che causa inverni miti,umidità e, di tanto in tanto, uragani. Si tratta di un’area piena di ricchezze petrolifere e minerarie.
  • L’ovest è un territorio montuoso comprendente altopiani desertici e le Montagne Rocciose, le più imponenti del Paese; le vette più alte sono nel Colorado e superano i 4000 m. Sempre in questa zona si trovano laghi salati, come il Grande lago salato, e depressioni come la Valle della Morte (-86m s.l.m.), il punto più basso e più caldo degli USA, con un’altissima escursione termica. Questa è la zona meno abitata del paese; qui si trovano molte delle destinazioni sceniche degli Stati Uniti, per esempio il Grand Canyon (Arizona) e Yellowstone (Wyoming). Nella costa occidentale ci sono montagne elevate (Sierra Nevada), vari vulcani, deserti, e zone molto umide (la costa, soprattutto a nord).

Gli Stati Uniti sono attraversati da una rete fluviale imponente e assai estesa, che favorisce in molti luoghi lo svolgimento delle attività produttive e dei traffici commerciali. Gli uomini hanno poi realizzato nel tempo una serie di opere idrauliche, che consentono uno sfruttamento razionale delle acque superficiali.
Il maggiore sistema idrografico statunitense è il fiume Mississippi,che nasce nello stato del Minnesota e sfocia nel Golfo del Messico. Con i suoi affluenti Missouri e Red Rock misura 5970 chilometri. Per via della pendenza molto scarsa, il suo corso è lento, ricco di meandri, ramificazioni secondarie e stagni. Ha un bacino vastissimo, 3,32 milioni di chilometri quadrati, circa il 40% dell’estensione degli Stati Uniti. Le sue acque servono come vie di comunicazioni interna e irrigano amplissimi terreni agricoli. Il grande fiume riceve le acque dei fiumi Ohio e Tennesse, che nascono sui monti Appalachi, ed è collegato tramite canali navigabili alla regione dei Grandi Laghi. Da questi ultimi i battelli possono dirigersi verso il Canada oppure verso la città di New York, percorrendo altri canali che uniscono i laghi Erie e Ontario al fiume Hudson. Molto importanti sono inoltre il Rio Grande, che sfocia nel Golfo del Messico e che delimita il confine con lo stato omonimo, e il Colorado, che ha scavato profonde gole fra le quali è celebre il Grand Canyon.

Negli Stati Uniti il clima è ovunque temperato, a esclusione dell'Alaska, situata nella fascia climatica subartica. Esso presenta tuttavia marcate variazioni regionali dovute alla disposizione dei rilievi, orientati in senso meridiano, e alla diversa influenza degli oceani.   La vasta sezione interna del paese, priva di sbarramenti orografici, è particolarmente esposta alle masse d'aria fredda provenienti dal Polo Nord, che possono spesso raggiungere le aree più meridionali del paese, e, in senso opposto, alle masse d'aria calda e umida provenienti dai tropici, che possono spingersi sino alle regioni nordorientali. La sezione orientale del paese, esposta all'Atlantico, è soggetta a sud agli influssi subtropicali, che rendono gradevole il clima della Florida, a nord agli influssi continentali. La sezione occidentale è invece condizionata climaticamente dalle correnti oceaniche occidentali, che rendono umidi e piovosi i versanti montuosi rivolti al Pacifico a nord, mentre a sud, nella California, prevalgono gli influssi subtropicali che apparentano il clima locale a quello mediterraneo. Tutta la parte interna, invece, dalle Grandi Pianure sino alle catene costiere, schermata dai rilievi, è poco piovosa e in certe aree addirittura desertica.


 

Webmaster: ELENA TAGLIAFERRI   Classe IIIB     Scuola Media A.Stoppani