banner
HOME RECENSIONE NOVECENTO JAZZ STATI UNITI PALLACANESTRO UNITED STATES POP ART GUERRA FREDDA RADIOATTIVITA'
IRENE CURIE ENERGIA NUCLEARE

LA CORSA AGLI ARMAMENTI

Mentre nel primo dopoguerra ci fu una riduzione degli armamenti, dopo la sconfitta della Germania e del Giappone nel secondo conflitto mondiale, USA, Gran Bretagna e URSS mantennero una potente industria bellica e intensificarono le ricerche per la produzione di armi convenzionali e armi nucleari. Nel 1952 gli USA sperimentarono la bomba all’idrogeno. Nel  1949 anche l’URSS mise a punto la bomba atomica e poco dopo fu in grado di produrre la bomba all’idrogeno, gli USA non detenevano più il monopolio delle armi nucleari. Il timore di un conflitto nucleare generò un incubo atomico collettivo che segnò la mentalità dell’epoca e lasciò tracce nella letteratura e nel cinema e fece sorgere movimenti pacifisti. La consapevolezza degli effetti catastrofici dell’uso delle armi nucleari originò la convinzione che la coesistenza fosse possibile sulla base dell’equilibrio del terrore. Il fatto che ogni superpotenza fosse dotata di arsenali nucleari assicurò una notevole stabilità internazionale ma portò ad una rincorsa tra le due potenze a dotarsi di ordigni sempre più numerosi, potenti e sofisticati e quindi diede impulso a un incremento delle armi nucleari.

La corsa agli armamenti si manifestò con alcuni conflitti locali come la guerra di Corea e la guerra del Vietnam. La guerra di Corea determinò la fase più acuta della Guerra Fredda, scoppiò nel 1950 a causa dell'invasione della Corea del Sud da parte dell'esercito nord-coreano,controllato dall’URSS, allora, su mandato ONU, gli Stati Uniti, affiancati da altri 17 paesi, intervennero militarmente nel tentativo di liberare il paese occupato ed, eventualmente, rovesciare il governo nordcoreano. All'epoca, la guerra fu considerata come una reazione all'espansionismo sovietico e, ideologicamente, come parte di una più ampia lotta fra il "mondo libero" e il "mondo comunista".

La guerra del Vietnam fu un conflitto combattuto in Vietnam tra il 1960 e il 1975, che oppose il regime sudvietnamita al Fronte nazionale di liberazione sostenuto dal Vietnam del Nord e che vide l’intervento diretto degli Stati Uniti. Iniziato dal tentativo messo in atto dalla guerriglia comunista (vedi Vietcong) di rovesciare il governo sudvietnamita, degenerò in una guerra civile tra il Vietnam del Sud e il Vietnam del Nord, e quindi in un conflitto internazionale quando i sudvietnamiti ottennero l’appoggio degli Stati Uniti e di altre nazioni loro alleate, mentre i nordvietnamiti venivano riforniti di armi dall’Unione Sovietica e dalla Repubblica Popolare Cinese.

Entrambe queste guerre erano il simbolo della guerra fredda, ovvero del conflitto tra USA e URSS, in quanto si trovavano dietro ognuna di esse, con finanziamenti ai combattenti, sempre con lo scopo di ottenere la supremazia sulla superpotenza avversaria.

LA GARA SPAZIALE

Tra le due nazioni iniziò a crearsi una sorta di gara; terreno di confronto politico e militare fu la gara spaziale tra USA e URSS. A metà degli anni Cinquanta l'URSS sembrò essere in testa grazie al lancio del primo satellite artificiale, lo Sputnik, il 4 ottobre del 1957. Nel gennaio del 1958 gli USA lanciarono a loro volta un satellite, Explorer, ma nel '61 i sovietici mandarono per primi nello spazio un uomo, il cosmonauta Yuri Gagarin a bordo della Vostoc. Fu invece l'Apollo 11 americano a sbarcare sulla Luna Amstrong e Aldrin il 21 luglio del 1969. Tali imprese ebbero soprattutto un effetto propagandistico poi la gara spaziale proseguì in maniera meno spettacolare ma più importante ai fini della ricerca e del progresso scientifico: messa in orbita di satelliti metereologici e per le telecomunicazioni, di sonde spaziali per esplorare il cosmo, di stazioni orbitanti, di navette spaziali che rientravano a terra come gli Shuttles americani. Le imprese spaziali, oltre alle notevoli ricadute nel campo tecnologico (telecomunicazioni, nuovi materiali, ecc.), crearono un nuovo terreno di confronto facendo temere la militarizzazione dello spazio e fecero progredire la tecnologia bellica, in particolare dei missili.

Webmaster: ELENA TAGLIAFERRI   Classe IIIB     Scuola Media A.Stoppani